Gastronomia
Gastronomia
Gastronomia
Gastronomia
Gastronomia
Finalmente, hai trovato la tua prossima vacanza!
Home > Hotel & Info > Gastronomia

Cucina altoatesina e specialità mediterranee

All'Alphotel Tyrol il gusto è di casa

La cucina altoatesina creata dalla brigata della cucina dell'Alphotel Tyrol stupisce ogni giorno. Gli ingredienti? Prodotti d'altissima qualità, locali e sempre freschi, e ovviamente tanta passione. Non solo le nostre profumate erbe aromatiche trovano utilizzo in cucina, ma anche le migliori carni, uova e latte delle aziende agricole dei dintorni e di fornitori locali, così come verdura e frutta fresca biologica. Nella cucina del nostro vital hotel nulla è lasciato al caso!

All'interno della "Pensione gusto & wellness Tyrol" serviamo piatti della tradizionale cucina altoatesina e specialità gourmet dal tocco mediterraneo. Jasmin, la nostra pasticcera, trae ispirazione dalle ricette della nonna per creare le dolci tentazioni del buffet pomeridiano dei dolci e il dessert a coronamento della cena.

Pensione gusto & wellness Tyrol – gusto e salute a ogni ora del giorno, tutto compreso!
Colazione a buffet dalle 07.30 alle 11.00, all'insegna di bontà e salute: prodotti vital e bio, angolo degli infusi e succhi di frutta, uova in tutte le variazioni preparate al momento nella cucina a vista, marmellate fatte in casa, pane fresco e croissant...
Piccolo buffet di mezzogiorno, tutti i giorni, con pasta saltata al momento nella cucina a vista fino alle 15.00, nonché insalate fresche e croccanti, angolo degli infusi e succhi di frutta, dolci fatti in casa, gustosa zuppa del giorno e tanti piccoli snack spezzafame fino alle 16.00
Cena con menù gourmet da 5-7 portate, con piatto principale a scelta: ipocalorico – vegetariano – per bambini – classico, sempre abbinato a un buffet di insalate fresche, antipasti, irresistibili dolci e formaggi selezionati
Acqua fresca potabile dalla sorgente privata in tutta la struttura
Serate gastronomiche a tema ogni settimana: 
Serata italiana – specialità, classiche e non, della cucina mediterranea
Serata altoatesina – specialità della cucina altoatesina tradizionale
Bontà & Salute – specialità wellness con prodotti delle Alpi
Serata gourmet a lume di candela, ogni domenica
Aperitivo con la famiglia Eisendle

 

Cucina altoatesina da provare a casa

Le nostre migliori ricette per vivere l'Alto Adige anche a casa

Kaiserschmarren 

Ingredienti per 4 persone:
140 g di farina
100 ml di latte
100 ml di panna
6 tuorli
½ bustina di zucchero vanigliato
6 albumi
1 pizzico di sale
40 g di zucchero
burro per ungere la padella
zucchero a velo da spolverare
50 ml di rum e 20 g di zucchero a velo per flambare

 

Procedimento:
La ricetta di questo classico della cucina altoatesina è più facile di quanto sembra. Cominciare amalgamando bene farina, latte, panna, tuorli e zucchero vanigliato fino a ottenere un composto omogeneo. Sbattere gli albumi con il sale, montare a neve insieme allo zucchero e incorporare alla pastella già pronta. Dopodiché scaldare bene una padella, sciogliervi un pezzo di burro, versarvi il composto e cuocere da entrambi i lati fino a ottenere una colorazione bruna. Spezzettare il Kaiserschmarren grossolanamente, spolverare di zucchero a velo e, dopo aver aggiunto dei pezzetti di burro, flambare con un po' di rum. Impiattare il Kaiserschmarren e servire con dello zucchero a velo.

 

Tempi: 10–15 minuti
La vostra Jasmin vi augura buon divertimento!

Strudel di mele 

Ingredienti per l'impasto:
250 g di burro
250 g di zucchero
500 g di farina
6 uova
zucchero vanigliato
scorza di limone
1 pizzico di sale

 

La più celebre delle specialità della cucina altoatesina. Su una superficie liscia posizionare a fontana la farina setacciata. Nella conca al centro mettere il burro a tocchetti con zucchero, uova, zucchero vanigliato, scorza di limone, sale e impastare fino a ottenere un impasto omogeneo. Avvolgere l'impasto nella pellicola trasparente e riporre in frigo per circa 1 ora.

 

Ingredienti per la farcia:
600 g di mele Golden Delicious
30 g di pan grattato
90 g di zucchero
30 g di uvetta
20 g di pinoli
20 g di mandorle tritate finemente
15 g di noci tritate grossolanamente
½ cucchiaino di cannella
1 puntina di scorza di limone

 

Stendere l'impasto dello spessore di 1 cm, coprire con la farcia a base di mele e ripiegare la pasta sia da destra che da sinistra chiudendo lo strudel. Spennellare con un uovo sbattuto e cuocere in forno per ca. 40 minuti.
Forno: calore superiore/inferiore, 180°C
La vostra Jasmin vi augura buon divertimento!

Erdäpfelblattler 

Ingredienti per 4 persone:
650 g di patate
180 g di farina
45 g di burro
2 uova
sale
olio per friggere

Procedimento:
Lessare le patate con la buccia, sbucciarle e passarle finché sono bollenti. Unire burro sciolto, farina, sale e uovo alle patate e ottenere un impasto omogeneo. Dividere l'impasto in 4 pezzi e su una superficie infarinata stenderli uno a uno con uno spessore di circa 3-4 mm. Tagliare le sfoglie in quadrati della grandezza di una mano e friggere in abbondante olio bollente. I crauti sono l'abbinamento perfetto per questa specialità della cucina altoatesina.

Il vostro Peppi vi augura buon divertimento!

 

 

Guance di vitello brasate nel St. Magdalener su Gröstl ai porcini 

Ingredienti per 4 persone:

Per le guance di vitello:
4 guance di vitello
2 carote
2 cipolle
1 gambo di sedano bianco
½ gambo di porro
70 g di concentrato di pomodoro
750 ml di St. Magdalener
500 ml di brodo o fondo bruno di vitello 
2 foglie d'alloro
6-7 grani di pepe nero
2 cucchiaini di amido
sale e pepe

 

Per il Gröstl ai porcini:
8 patate novelle della Val Pusteria, dimensione media, con la buccia
4 scalogni
2 spicchi d'aglio
circa 200 g di funghi porcini freschi
2 rametti di prezzemolo
un po' di timo

 

Eliminare i nervetti e gli scarti delle guance di vitello e salarle. Rosolare le guance da entrambi i lati in una padella ben calda, unire le verdure a cubetti e continuare la rosolatura. Aggiungere quindi il concentrato di pomodoro e, poco dopo, unire il St. Magdalener facendolo ridurre della metà. Aggiungere il fondo bruno di vitello, le spezie, dopodiché trasferire il tutto in una pentola e proseguire la cottura in forno preriscaldato a ca. 165°C per mezz'ora, con coperchio. Di tanto in tanto bagnare la carne con il suo sugo. Completata la cottura, togliere la carne e legare il sugo con un po' d'amido sciolto in acqua, portarlo a bollore e passarlo in un colino a maglia fina.
Lavare le patate e cuocerle con la buccia in acqua salata per 25-35 minuti. Lasciare raffreddare e poi riporre in frigo per 20 minuti. Dopodiché pelare le patate, tagliarle a fette e risolarle nell'olio fino a duratura. In un'altra padella rosolare i funghi porcini, precedentemente puliti e tagliati, insieme allo scalogno a cubetti, l'aglio e il prezzemolo tritati. A questo punto unire i funghi rosolati e il rametto di timo alle patate dorate, saltare il tutto e aggiustare di sale. Impiattare le guance di vitello, versarvi sopra la salsa passata e disporre accanto il Gröstl ai porcini. Decorare con un po' di timo ed ecco qua: il mio preferito tra i piatti della cucina altoatesina è già pronto!

 

Il vostro Willi vi augura buon divertimento!

 

Zuppetta agli aromi con fiori di montagna essiccati 

Ingredienti per 4 persone:
40 g di cipolla
1 spicchio d'aglio
30 g di fieno secco di montagna (oltre 1.700 m di quota) da prati non concimati
olio d'oliva q.b.
1 cucchiaio di farina
500 ml di brodo di carne (o fondo di verdura)
300 ml di panna fresca
40 g di burro di malga
sale, pepe, noce moscata (macinata)
50 g di pane nero
Fiori di montagna essiccati (malva, dente di leone, calendula, fiordaliso, timo selvatico)

Procedimento:
L'essenza delle nostre montagne diventa un piatto della cucina altoatesina. Scaldare dell’olio d’oliva in una pentola e rosolare la cipolla e l’aglio senza far prendere colore. Unire il fieno di montagna, spolverare di farina e sfumare con vino bianco. Aggiungere il brodo di carne e la panna, portare a bollore e lasciar sobbollire per circa 15 minuti. Passare la zuppa in un colino, aggiungere una parte dei fiori essiccati e il burro freddo, dopodiché passare il tutto con un mixer a immersione. Insaporire con sale, pepe e noce moscata. Servire con cubetti di pane nero arrostito e i restanti fiori di montagna.
Consiglio: rispettare la brevità dei tempi di cottura per non perdere gli aromi.

 

Buon divertimento con questa specialità della cucina altoatesina dal vostro Willi!

 

Krapfen di Racines 

Ingredienti per l'impasto:
200 g di farina bianca
70 g di farina di segale
20 g di burro fuso
100 ml di latte
50 ml di panna
2 cucchiaio di rum
1 pizzico di sale

 

Ingredienti per la farcia:
200 g di mirtilli
1 cucchiaio di succo di limone
2 tuorli
2 cucchiai di rum
100 g di ricotta
70 g di miele
1 cucchiaio di cannella

Procedimento:
Ecco la ricetta di questa invitante specialità della cucina altoatesina. Amalgamare la farina bianca, la farina di segale, il burro, il latte, i tuorli, la panna, il rum e il sale fino a ottenere un impasto liscio, poi riporre in frigo per 20 minuti. Stendere l'impasto in sottili sfoglie ovali (ca. 20 cm di lunghezza, 6 cm di larghezza) e disporre la farcia sulle sfoglie con l'aiuto di un cucchiaio. Bagnare i bordi con un po' d'acqua, ripiegare a mezzaluna e sigillare con leggera pressione. Friggere i Krapfen in abbondante olio bollente e spolverare di zucchero a velo. Ed ecco pronto un dolce tipico della cucina altoatesina!

Temperatura dell'olio: 190° C
Tempo di cottura: circa 3 minuti per ogni Krapfen

 

Gnocchetti ai funghi porcini 

Ingredienti:
200 g di pane da canederli (pane bianco raffermo a dadini)
1 piccola cipolla
2 spicchi d'aglio
300 g di porcini freschi, tagliati a cubetti
erba cipollina
sale
2 cucchiai di farina
4 uova

Procedimento:
Rosolare la cipolla tritata e l'aglio insieme ai funghi, poi mescolare al pane raffermo. Unire l'erba cipollina, le uova e la farina, eventualmente aggiungere un goccio d'acqua. Con un cucchiaio formare delle quenelle e bollire in acqua salata per circa 10 minuti. Per dare l'ultimo tocco a questo piatto della cucina altoatesina, servire con parmigiano grattugiato e burro fuso.

 

Schlutzkrapfen di patate 

Ingredienti per 4 persone:
400 g di patate farinose, lessate e già fredde
2 tuorli
120 g di farina
sale
noce moscata

Per il ripieno:
½ cipolla tritata
20 g di burro
70 g di ricotta
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
sale
noce moscata
pepe

Procedimento:
Passare le patate nello schiacciapatate, unire la farina, i tuorli, il sale e la noce moscata e lavorare velocemente ottenendo un impasto omogeneo. Per il ripieno, rosolare la cipolla e l'aglio, togliere dal fuoco e aggiungervi la ricotta, il parmigiano, il prezzemolo, il sale e la noce moscata. Stendere l'impasto di patate con uno spessore di 4 mm e ritagliare forme circolari con un coppapasta (diametro di ca. 7 cm). Con un cucchiaino disporre un po' di ripieno al centro di ogni cerchio.  Inumidire i bordi con poca acqua e ripiegare a mezzaluna. Sigillare i bordi con le dita e bollire gli Schlutzkrapfen in acqua salata per 4-5 minuti. Servire con porcini o finferli saltati, parmigiano appena grattugiato ed erba cipollina. Una delle specialità più apprezzate della cucina altoatesina!

 

Canederli agli spinaci 

Ingredienti per 4 persone:
200 g di pane da canederli (pane bianco raffermo a dadini)
300 g di spinaci freschi
sale, pepe, noce moscata
2-3 uova
½ cipolla e 2 spicchi d'aglio finemente tritati

Procedimento:
Sbollentare gli spinaci in acqua salata, interrompere la cottura immergendoli in acqua fredda e far sgocciolare bene. Tritare finemente gli spinaci e frullarli insieme alle uova. Inumidire il pane in poca acqua e aggiungere sale, pepe, noce moscata, cipolla e aglio. A questa massa incorporare gli spinaci amalgamando bene. Formare i canederli e bollire in acqua salata per 10 minuti. Servire questo classico della cucina altoatesina con burro abbrustolito e formaggio grattugiato, possibilmente formaggio di montagna.

 

Canederli allo speck 

Ingredienti per 4 persone:
6-7 rosette rafferme
100 g di speck Alto Adige
1 Kaminwurze (salamino affumicato dal sapore intenso)
4 uova
2 cucchiai di farina
½ cipolla, tritata finemente
sale, erba cipollina, latte

Procedimento:
Forse il piatto più celebre della cucina altoatesina. Tagliare a tocchetti il pane raffermo, lo speck e il Kaminwurze. Versare il tutto in una ciotola e aggiungere la cipolla, l'erba cipollina, la farina e il sale, mescolando bene. Unire le uova e, se l'impasto fosse troppo asciutto, un goccio di latte. Far riposare l'impasto ottenuto finché sia sufficientemente compatto per formare dei canederli di 5-7 cm di diametro. Bollire i canederli in acqua salata per 10 minuti. 

 

Kaspressknödel 

Ingredienti per 4 persone:
250 g di pane da canederli (pane bianco raffermo a dadini)
latte
2-3 uova
olio vegetale per rosolare
½ cipolla, tritata finemente
erba cipollina o prezzemolo tritato, farina e sale
formaggio a dadini (formaggio Leifer, formaggio grigio Graukäse, gorgonzola, Emmentaler)

Procedimento:
Preparare questo saporito piatto della cucina altoatesina è più facile di quanto sembri. Mescolare bene tutti gli ingredienti comprese le uova. Formare dei canederli, appiattirli e rosolarli da entrambi i lati in poco olio bollente. Bollirli poi in acqua salata per 6 minuti e servire con cavolo cappuccio in insalata.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità orientata alle tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
OK